Siamo nella zona della Costa dei Trabocchi, rinomata area balneare e di notevole interesse natutalistico, terrestre e marino.
Si tratta essenzialmente di un’altopiano che dalla vicina Lanciano (350m s.l.m.) si interrompe bruscamente sul mare. Le spiagge sono per lo più brevi e fiancheggiate da alti costoni rocciosi o da colline a ridosso del litorale. Questo fa sì che le brezze che si alternano tra il mare e la vicina Majella mantengano asciutto e ventilato il terreno, preservando naturalmente le uve da attacchi di parassiti generati da ristagni umidi. L’altitudine evita l’azione diretta delle acque marine che tende a impoverire il terreno.
Tali caratteristiche rendono il territorio ideale per la produzione vitivinicola. Siamo in presenza di una vera e propria terrazza sul mare. Protesi dal litorale roccioso è possibile ammirare i trabocchi, antiche macchine da pesca ancora perfettamente funzionanti costruite su palafitte direttamente sul mare che riescono a contrastare la potenza delle onde.
Il poeta e scrittore Gabriele d’Annunzio, affascinato dalla bellezza di questi luoghi, qui si era ritirato per trarre ispirazione.
La costa frastagliata è ricca di insenature che sul terreno diventano strette valli generate dall’erosione dei torrenti che si alimentano dalle nevi della montagna.
Questi canaloni sono selvaggi e ricchi di fauna e vegetazione. Qui vi è un microclima molto particolare che ospita e protegge numerose specie selvatiche insospettabili.
Attraversando il territorio è facile incontrare grandi rapaci, scoiattoli, volpi, cinghiali e, nelle acque dei torrenti, il raro granchio di fiume segnalato per la prima volta dal Dr. Alessio Arbuatti (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ), Veterinario di fama internazionale, specializzato in organismi acquatici, residente in zona.
Questo crostaceo è anche un’importante bioindicatore per la salute dell'ecosistema.
Dal punto di vista storico e umanistico queste terre recano le le testimonianze di popolazioni già in epoca paleolitica.
Molti sono i monumenti di epoca Romana e Medioevale presenti tra Rocca San Giovanni, San Vito e Lanciano.
Un territorio che offre uno spettacolo da non perdere.